News

Promozioni DJI Flash su Mavic Pro e Osmo

Cliccando su questa immagine verrai reindirizzato sull'unico store ufficiale DJI in Italia. Massima garanzia per il cliente finale.

DJI-Store, l'unico negozio ufficiale DJI in Italia presente sia online che fisico (nelle due sedi di Roma e Milano), lancia per le date del 29/03 e del 30/03 una grande promozione sui seguenti prodotti:

  • Acquista Mavic Pro ed hai la garanzia Refresh in Omaggio (valore €119)
  • Acquista Mavic Pro Combo ed hai la garanzia Refresh in Omaggio (valore €119)
  • Acquista Mavic Pro Platinum ed hai la garanzia Refresh in Omaggio (valore €149)
  • Acquista Mavic Pro Platinum Combo ed hai la garanzia Refresh in Omaggio (valore €149)
  • DJI Goggles in offerta € 399,00
  • DJI Osmo Plus in offerta € 569,00

La promozione è attiva solo fino al 30 marzo e salvo esaurimento scorte. Ti consigliamo di affrettarti!

Cos'è la DJI Care refresh e perché averla

La DJI Care refresh è un'eccezionale garanzia aggiuntiva che protegge il tuo investimento. Acquistandola entro 48H dall'attivazione del tuo drone, sarai coperto per 12 mesi da rotture accidentali del mezzo.

Infatti, nel caso ad esempio del DJI Mavic Pro Platinum, avrai diritto a due sostituzioni complete del velivolo con un semplice contributo aggiuntivo di €109 per la prima sostituzione, €169 per la seconda sostituzione. La sostituzione avverrà con una unità nuova o equivalente nelle prestazioni e affidabilità.

Questa garanzia ha validità 12 mesi e non è rinnovabile, ma offre la massima tranquillità ogni volta che si vola.

La DJI Care refresh è particolarmente indicata per i piloti alle prime armi, a cui potrebbero tremare le mani durante i primi voli: in caso di caduta e rottura del drone, un piccolo contributo vi salverà dal dover riacquistare ex-novo il mezzo.

Cliccando su questa immagine verrai reindirizzato sull'unico store ufficiale DJI in Italia. Massima garanzia per il cliente finale.

DJI Goggles: perché acquistarli e dove comprarli

I DJI Goggles sono i nuovi confortevoli occhiali progettati appositamente per il volo FPV con prodotti Dji. Dotati di due schermi ad alta definizione, garantiscono una connessione stabile e a lungo raggio. Inoltre permettono il controllo diretto dell’acquisizione foto e video. Una nuova era del volo FPV vi si spalancherà di fronte ai vostri occhi quando ne combinerete l’esperienza con le Intelligent Flight Modes, come ActiveTrack, TapFly, Terrain Follow, Cinematic Mode e Tripod Mode.

La struttura dei DJI Goggles è stata progettata in modo da scaricare il peso degli occhiali intorno alla testa, così da minimizzare al massimo la pressione sul viso e garantire un confort durevole nel tempo. L’utilizzo di occhiali da vista, inoltre, non compromette minimamente la comodità dell’esperienza.

Grazie ai DJI Goggles, perfettamente compatibile con droni come i DJI Phantom 4 Pro, potrai liberarti dalla necessità di pilotare il drone e riprendere contemporaneamente: il pilota dovrà solo preoccuparsi di eseguire le manovre stabilite, la camera verrà controllata da colui che indossa i DJI Goggles, i cui movimenti della testa avranno effetto immediato sulla gimbal.

Ora in offerta al prezzo di €399 IVA inclusa.

Come sempre vi consigliamo di acquistare i prodotti DJI nell'unico store ufficiale esistente in Italia: massima garanzia e massima protezione per il cliente.

Posted by Archeo Staff in News

ArcheoDigital sponsor del MetroArchaeo 2017

MetroArchaeo 2017

Si sta svolgendo (23-25 ottobre) presso il Castello Carlo V di Lecce, la III edizione dell'Imeko Internazional Conference on Metrology for Archaeology and Cultural Heritage. L'evento si caratterizza per un elevato numero di interventi dei maggiori ricercatori e specialisti di Università e Centri di Ricerca a livello internazionale, sul tema della "metrologia", che non è soltanto misure metriche ma, dal sito del convegno

Accurate and appropriate measured survey and imaging data is a fundamental requirement for the effective conservation, management and understanding of our cultural heritage.

ArcheoDigital è da sempre impegnata sul tema dell'accuratezza e della precisione nel campo della documentazione di reperti e manufatti archeologici.

Questo ci ha spinti a prendere parte a questa 3 giorni come società specializzata nel settore, presentando le nostre soluzioni, i nostri strumenti e la nostra esperienza nel campo dell'accuratezza metrologica.

Inoltre, il giorno 24 ottobre alle ore 16:30, il nostro Amministratore terrà un intervento-tutorial sul tema "Best accuracy with aerial and terrestrial integrated technologies", durante la quale verranno illustrate le nostre pratiche di integrazione di rilievi strumentali effettuati con tutte le tecnologie oggi a disposizione, integrate anche con rilievi dall'alto tramite drone (in qualità di società riconosciuta ENAC per missioni CRO), al fine di ottenere un dato completo e puntuale in ogni sua parte. 

ArcheoDigital at MetroArchaeo 2017 conference

Insieme a noi sono presenti i nostri partner di MeSA Srl, amici e colleghi specializzati nel mondo del laser scanning declinato in ogni sua forma: Faro Focus 3D per i laser scanner terrestri, FreeStyle per l'handheld, ZebRevo RT per la scansione con tecnologia SLAM.

Il nostro stand è esterno al convegno, pertanto può essere visitato senza la necessità di iscriversi all'evento: oltre alla bellissima location del Castello Carlo V potrete scoprire i nostri servizi nel mondo del rilievo applicato ai Beni Culturali, all'urbanistica, all'ingegneria civile e meccanica, e molto altro ancora.

 

Posted by Archeo Staff in News

TECH HOW TO: installazione di un dissipatore su CPU Intel Kaby Lake

La nostra divisione Tech ha pubblicato, sul nostro canale YouTube, un video-tutorial per spiegare come installare un dissipatore Noctua NH-D15 su scheda madre MSI Tomahawk Arctic Z270 equipaggiata con CPU Intel Kaby Lake i7-7700K.

L'occasione è stata resa possibile dalla recente configurazione di una Workstation per fotogrammetria che abbiamo studiato per le esigenze di un cliente, orientata al massimo rapporto prestazioni/budget. Si tratta di una workstation assemblata, così da garantire la massima libertà di aggiornabilità e di intervento, e non di WS prefabbricata che obbliga l'utente a mantenere la configurazione bloccata per almeno 3 anni.

La Workstation verrà presentata in un prossimo video, con tutti i test e le analisi prestazionali potenziate grazie alla pratica di overclocking applicata sui componenti. Nel frattempo, ecco a voi come montare il dissipatore:

Seguici su YouTube

Posted by Archeo Staff in News

Roma: mappa NoFlyZone 24-25 marzo 2017

Con comunicato del 24 marzo 2017 l'ENAC ha ricordato di aver stabilito, su avviso delle Autorità di Pubblica Sicurezza, una NoFlyZone sull'intero territorio di Roma, con raggio di 10 Km dal centro città. Assumendo che il centro città sia Piazza Venezia dove è stata istituita la Zona Blu e dove si svolgeranno le manifestazioni ufficiali per il 60° Anniversario del Trattato di Roma che istituì l'Unione Europea, abbiamo disegnato la seguente mappa interattiva che segnala approssimativamente l'area su cui vige il divieto di volo esteso anche agli aeromobili a pilotaggio remoto.

La presente NoFlyZone, attiva solo nelle giornate di oggi e domani, si aggiunge comunque a quelle permanentemente attive sulla città di Roma, che abbiamo avuto modo di analizzare in un precedente articolo di cui trovate il link al termine del presente.

Il comunicato stampa

Di seguito il comunicato ufficiale dell'Ente:

COMUNICATO STAMPA N. 21/2017
ENAC: CHIUSURA DELLO SPAZIO AEREO IL 24 E 25 MARZO IN OCCASIONE DELLE CELEBRAZIONI DEL 60° ANNIVERSARIO DELLA FIRMA DEI TRATTATI DI ROMA
 
L’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, informa che in occasione degli eventi previsti per le celebrazioni del 60° Anniversario della firma dei Trattati di Roma, su disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza, ha deciso la chiusura dello spazio aereo sulla città di Roma e sulle aree circostanti. Dalle ore 6:00 locali di oggi, 24 marzo 2017, alle ore 23:00 locali di domani, 25 marzo 2017, sono vietati tutti i voli, inclusi quelli con velivoli ultraleggeri e i voli con i mezzi a pilotaggio remoto (cosiddetti droni), in un’area circolare avente un raggio di circa 10 chilometri dal centro della città.
Sono esclusi dal divieto i voli commerciali di linea e charter in arrivo e partenza dagli aeroporti di Roma Fiumicino e Roma Ciampino, i voli di Stato, quelli di emergenza e i voli sanitari.
I voli VFR (Visual Flights Rules – voli a vista), sono vietati in un’area circolare di circa 65 chilometri di raggio dal centro della città di Roma.
Maggiori dettagli e informazioni sono riportati nei relativi NOTAM (Notice to Airmen - avviso ai naviganti).
 
Roma, 24 marzo 2017
ENAC NoFlyZone Roma 24-25 marzo 2017

Le sanzioni

Ricordiamo a tutti quanti che nonostante ENAC perseguiti nell'assimilare erroneamente i mezzi a pilotaggio remoto ai droni, comunemente associati ai multicotteri, sono considerati mezzi a pilotaggio remoto tutti gli aeromodelli che volano per mezzo di un radiocomando, fosse anche un mattone con le eliche.

Inoltre è bene sottolineare che il divieto non si riferisce soltanto ai SAPR, i mezzi utilizzati per scopi professionali, ma si estende a tutti i mezzi, compresi dunque gli aeromodelli, ovvero quelli utilizzati per scopri ricreativi e sportivi o comunque in via del tutto personale e privata.

È bene ricordare che il volo non autorizzato di mezzi aerei a pilotaggio remoto è punito con sanzioni penali e amministrative piuttosto salate: queste ultime possono arrivare a €64.000 semplicemente per aver volato in zone critiche (com'è l'intera città di Roma) senza autorizzazione. A questo si aggiunge la possibilità di arresto fino a 6 mesi e la multa fino a €516 per aver sorvolato centri abitati violando l'art. 1228 del Codice della Navigazione. Poi l'arresto fino a 1 anno e la multa fino a €1032 per aver violato l'art. 1216 del C.d.N. "Navigazione senza abilitazione". Oltre naturalmente al sequestro del mezzo.

ENAC RICORDA LE NOFLYZONE DI ROMA

SAPR: OBBLIGO DI VERIFICA DELL'IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Posted by Archeo Staff in News

ENAC ricorda le NoFlyZone di Roma per i droni

Qualche giorno fa l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC) ha voluto ricordare a tutti gli utenti, in particolare ai cittadini di Roma, che sulla capitale vigono diversi regolamenti che vietano espressamente il volo ad aereomobili e aereomodelli non autorizzati. Oltre alla ben nota presenza, per gli addetti ai lavori, della CTR di ambito urbano, dell'aereoporto del Vaticano, non individuato da ATZ, della pista per ultraleggeri in zona Prenestino, dell'ATZ dell'aereoporto di Roma Urbe, dell'ATZ di Roma Ciampino e dell'ATZ di Roma Fiumicino che copre l'area est della Capitale in particolare Ostia, esistono anche 6 zone meno note ma ugualmente ben segnalate nella cartografia aereonautica conosciuta come ENR (EN-Route), disponibile nel notiziario AIP di ENAV.

Al cap. 6.3.9 scaricabile dagli utenti registrati sul sito ENAV, si notano le zone rosse R19A e R19B e le zone viola P211, P212, P243, P244. ENAC ha posto l'attenzione su quest'ultime due, noi vogliamo ricordarle tutte e cinque invitando cittadini e operatori a segnalare le violazioni al regolamento e contestualmente a richiedere l'intervento operativo solo e sempre di società autorizzate operanti nella piena legalità, in primis per l'incolumità di tutti.

Roma NoFlyZone ENAC

Scopriamo il dettaglio di queste zone grazie agli ENR 5.1.1 e 5.1.2:

  • Prohibited Area LI P211 (carcere di Rebibbia): divieto permanente di sorvolo di edifici particolari da SFC a 1500ft AGL
  • Prohibited Area LI P212 (carcere di Regina Coeli): divieto permanente di sorvolo di edifici particolari da SFC a 1500ft AGL
  • Prohibited Area LI P243 (Città del Vaticano): divieto permanente di sorvolo per motivi di sicurezza da SFC a 3500ft AMSL
  • Prohibited Area LI P244 (Edifici istituzionali): divieto permanente di sorvolo per motivi di sicurezza da SFC a 3500ft AMSL
  • Restricted Area LI R19/A (Roma città): divieto permanente H24 di sorvolo per motivi di sicurezza da SFC a 1000ft AMSL
  • Restricted Area LI R19/B (Roma città): divieto permanente H24 di sorvolo per motivi di sicurezza da 1000ft AMSL a 3500ft AMSL (non interessa a prescindere gli APR)

Da notare che la dicitura AMSL è l'acronimo per Above Mean Sea Level, ovvero a partire da 1000 piedi sopra il livello del mare, quindi il sorvolo è vietato sopra i ca. 300 ma permesso sotto. Peccato che nel nostro caso la R19/B sia un'estensione della R19/A, ovvero in quella porzione di spazio non vige solo il divieto di sorvolo da SFC a 1000ft, ma fino a 3500ft. Trattandosi di zone Restricted, è possibile il sorvolo secondo l'ENR 2.1.2.37-4 paragrafo 7.4 come in uno spazio aereo di classe G. Il paragrafo specifica che è possibile svolgere lavoro aereo con queste condizioni: coordinamento con l'ATC almeno 2 HR prima; piano di attività di volo autorizzato dalla DA di Roma Urbe: soggetta all'autorizzazione dell'ATC in base al traffico aereo; l'aereomobile deve possedere almeno 2 motori; avere un trasponder modo "A" e modo "C" attivo; contattare ROMA FIC sulla frequenza 125.750 MHz se operano all'interno di R19/A.

Quindi a termini di legge un APR non può volare su Roma a prescindere, se non ottenendo specifiche deroghe e autorizzazioni rilasciate per specifiche esigenze. I fortunati che su Youtube hanno caricato video girati con droni del centro di Roma o sono abusivi o lo hanno fatto prima del 2014, ovvero prima dell'entrata in vigore del Regolamento ENAC che ha normato l'attività con APR.

Infine bisogna specificare che la P244 esiste da molto tempo, ma è stata recentemente estesa dopo che in rete sono apparsi video girati intorno al Colosseo che hanno fatto infuriare la locale Soprintendenza.

Facciamo un piccolo sunto citando i maggiori monumenti della capitale:

  • Divieto di volo per un'area di ca. 500 metri di raggio attorno alle carceri di Roma Rebibbia e Roma Regina Coeli
  • Tutta l'area di Roma è coperta dalla R19: per volare in città bisogna richiedere permesso alla Prefettura, ad es. su piazza Navona o in zona Trastevere
  • Un divieto particolare di volo è previsto per il Colosseo, i Fori Imperiali, il Quirinale, piazza di Spagna: è la P244
  • Un divieto particolare di volo è previsto per piazza San Pietro e la relativa Basilica: è la P243
  • Divieto di volo nel Parco dell'Appia Antica e Capannelle, per la presenza dell'ATZ di Ciampino

È possibile volare, secondo le prescrizioni del Regolamento in area CTR, in zona EUR, in zona tiburtino fuori GRA.

Ricordiamo inoltre che esistono nella città di Roma dei campi volo autorizzati ENAC per il volo aeromodellistico: uno di essi è gestito dall'Associazione Arvalia in Volo, regolarmente iscritta alla FIAM, in zona Corviale.

ENAC ricorda

È fatto obbligo a tutti osservare e far osservare quanto indicato, segnalando prontamente eventuali inottemperanze agli Organi di Pubblica Sicurezza.

Chiunque infrange tale divieto è soggetto a quanto previsto dal Codice della Navigazione Art. 1102 - Navigazione in zone vietate: Fuori dei casi previsti nell'articolo 260 del codice penale, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro 516,00.

Si ricorda inoltre che, per i mezzi a Pilotaggio Remoto (cd. Droni) e gli aeromodelli valgono le restrizioni di volo su aree popolate e sugli assembramenti di persone.

http://www.enac.gov.it/La_Regolazione_per_la_Sicurezza/Spazio_Aereo/Divieti_di_sorvolo/index.html

Posted by Archeo Staff in Droni, News