Aerofotogrammetria da drone

Ortofoto aerofotogrammetria da drone

L'utilizzo di mezzi aerei a pilotaggio remoto o UAV costituisce ad oggi una delle tecnologie più avanzate ed economiche nel campo del rilievo aerofotogrammetrico. I sempre più robusti e avanzati algoritmi di analisi dell'immagine sono oggi in grado di restituire in maniera rapida ed estremamente precisa nuvole di punti e modelli 3D sia di terreni che di architetture.

Ad esempio è possibile creare una mappa 3D di un campo con poche sessioni di volo, generando un modello che può essere facilmente importato in ambiente CAD per la pianificazione della distribuzione corretta di colture e sistemi di irrigazione. Oppure si può ottenere il modello 3D di una facciata architettonica dalla quale ricavare un'ortofoto per computi metrici a fini di restauro, sostituzione di infissi, etc.

Attraverso la fotogrammetria aerea con sistemi SAPR è possibile dunque ottenere mappe e modelli tridimensionali di edifici, monumenti, siti archeologici, terreni, cave, frane, depositi di materiali, per il calcolo di volumetrie, la generazione di planimetrie, la creazione di contenuti digitali da condividere sul web.

Principali vantaggi dell'uso di droni per rilievi aerofotogrammetrici:

  • velocità di esecuzione
  • abbattimento dei costi
  • possibilità di rilevare aree non accessibili (pendii, costoni rocciosi, frane, cave, etc.)
  • ottenere nuvole di punti, DSM e curve di livello per il calcolo di volumi e superfici anche in ambiente BIM
  • integrare i rilievi da terra tramite laser scanner

Ecco alcuni esempi di applicazioni pratiche che è possibile porre in essere con un rilievo aerofotogrammetrico:

modello mesh 3D aerofotogrammetria da drone

La mesh 3D ottenuta con rilievo aerofotogrammetrico da drone: GSD 1 cm

curve di livello aerofotogrammetria da drone

È possibile ottenere facilmente curve di livello e modelli DSM, oppure filtrare la nuvola di punti per ottenere DTM

PRENOTAZIONE VOLO

Fotogrammetria topografica

  • DEM (Digital Elevation Model) / DTM (Digital Terrain Model)
  • Ortofotografie di terreni, scavi archeologici, etc.
  • Curve di livello da modelli 3D

Fotogrammetria architettonica

  • Modelli 3D di edifici, monumenti, siti archeologici
  • Ortofoto di facciate
  • Integrazione con dati laser scanner per le coperture degli edifici
uav icon

Metodologia operativa

Tutti i rilievi da drone, per qualsiasi tipo di utilizzo, possono contenere informazioni geografiche per la georeferenziazione a fini GIS. Per ottenere la massima accuratezza in termini di coordinate geografiche, non facciamo uso dei sistemi GPS integrati nei droni, ma di sofisticati sistemi topografici GNSS RTK progettati da GeoMax.

I moduli integrati nei droni sono basati sul concetto del data logger e utilizzano economici chipset MTK o SiRF Star, nessuno dei quali è in grado di raggiungere una precisione di posizione inferiore ai 2,5 metri, insufficiente per ottenere un modello 3D realmente accurato. Posizionando sul terreno dei marker e geolocalizzandoli tramite strumentazione GNSS professionale GeoMax dotata di chipset Novatel a doppia frequenza e Tecnologia Q-LockTM, siamo in grado di produrre modelli basati su coordinate geografiche con precisione cinematica orizzontale di 10 mm.

Questo permette ai software di analisi d'immagine e ricostruzione spaziale di avere riferimenti metrici di altissima precisione: the state-of-the-art of automated photogrammetry (lo stato dell'arte della fotogrammetria automatizzata).

Richiedi un preventivo

Esponi le tue necessità. Non lesinare dettagli: una richiesta precisa ci consentirà di formulare un preventivo puntuale.